Trasporto gratuito per ordini con
prodotti Freelifenergy per almeno 40€

Blog

Ritenzione idrica: cause e rimedi all'insegna del benessere

Ritenzione idrica: cause e rimedi all'insegna del benessere
Condividi:

Con l’arrivo della bella stagione, il desiderio di una forma perfetta comincia a farsi largo nella mente di uomini e donne, ma non dobbiamo dimenticare che è proprio in estate che il nostro corpo ha bisogno di una maggiore dedizione!

Soprattutto quando ci invia dei segnali da non ignorare, come pesantezza e gonfiore, i quali rappresentano sintomi probabili di una ritenzione idrica sulla quale lavorare.

 

RITENZIONE IDRICA: SIGNIFICATO E CAUSE

La ritenzione idrica consiste nella tendenza dell’organismo a trattenere i liquidi che finiscono con il concentrarsi negli spazi tra le cellule.
Cosa comporta questo fenomeno?
Un gonfiore anomalo – anche detto edema – che si manifesta proprio nelle zone del nostro corpo più soggette alla deposizione di tessuto adiposo, le quali possono essere pancia, caviglie, cosce e glutei.
I liquidi non correttamente assimilati finiscono quindi con il ristagnare insieme ad una grande varietà di tossine che influenzano così il nostro metabolismo. 
 
Specialmente con l’innalzamento delle temperature, la vasodilatazione aumenta e quello che precedentemente poteva essere un semplice squilibrio tra sistema venoso e linfatico del tutto ignorato, mette in luce invece una cattiva circolazione sanguigna e – di conseguenza – una condizione da non sottovalutare.
 
Gambe gonfie e pesanti, come vi abbiamo raccontato nel nostro articolo, rappresentano un segno evidente di ritenzione idrica, ma un piccolo test “fai-da-te” può aiutare a confermarne la presenza: premendo infatti il pollice su una zona del corpo, se dopo averlo tolto ne resterà un’impronta nitida per qualche secondo, potremo trarre le nostre conclusioni.
 
Le cause di ritenzione idrica – oltre ad un già citato malfunzionamento della circolazione e dei sistemi venosi/linfatici – possono essere ricondotte anche a:
 
1. Patologie e disfunzioni rilevanti come quelle del fegato o dei reni
2. Ipertensione arteriosa
3. Uso frequente e/o prolungato di trattamenti farmacologici (antinfiammatori e cortisonici)
4. Dieta non equilibrata
 

 

ALIMENTAZIONE E ATTIVITA’ FISICA: I MIGLIORI ALLEATI PER LA PERDITA DI GONFIORE E LIQUIDI IN ECCESSO

L’ultimo punto sopra citato è anche il primo da cui partire: mangiare in modo sano eliminando la sovrabbondanza di sale e caffeina, è un passo fondamentale per iniziare a prendersi cura della propria ritenzione idrica. 
 
Integrare poi con tanta frutta (ananas, anguria, mele, mirtilli, ribes) e verdura (asparagi, cipolle, cetrioli, pomodori), formaggi freschi, fibre e cereali, senza dimenticare l’assunzione di almeno due litri di acqua al giorno (importantissimo!), fa sì che venga ripristinato l’equilibrio di cui abbiamo bisogno. 
 
Anche gli integratori drenanti, depurativi e detossinanti a base di erbe o estratti vegetali – molto spesso sottovalutati – possono essere invece un importante alleato nella lotta alla ritenzione idrica.
Il potassio regola inoltre la distribuzione dei fluidi tra le cellule e combatte il sodio, favorendo lo smaltimento dei liquidi in eccesso, mentre il magnesio aumenta la permeabilità della membrana cellulare permettendo proprio al potassio di passare attraverso essa.
 
Come si può già immaginare, la sedentarietà è il nemico numero 1 della ritenzione idrica, soprattutto perché blocca la circolazione e favorisce il ristagno che invece vogliamo assolutamente evitare.
Eppure, non tutti gli sport sono adatti al contrastare questo fenomeno!
 
L’attività fisica migliore è quella aerobica: sport a lunga durata ma non intensi, che riattivano la circolazione, drenano i liquidi e ossigenano i tessuti. Da praticare almeno per 45 minuti su 2/3 volte a settimana, i più consigliati sono le camminate veloci, le biciclettate e le nuotate.
 
Che poi… non sono forse il modo migliore di vivere l’estate?!
Da evitare, invece, il sollevamento pesi, lo sci e lo spinning, che comportano sforzi intensi in grado di peggiorare la condizione di ristagno.
 
Ora che avete a disposizione tutti gli strumenti per mantenere al meglio l’idratazione del vostro corpo, non vi sentite pronti per l’estate?
 

Dal nostro Blog


MOMOT 2019
FREELIFENERGY - PUNTO ISCRIZIONE 31° TROFEO SEMPIONE
Quando e cosa mangiare o bere in maratona?
controllo glicemico, dimagrimento ed obesità
Controllo della glicemia, obesità e dimagrimento
Chatta con noi!